Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
26 avril 2012 4 26 /04 /avril /2012 20:59
RoyalMonaco_testata.jpg 

  ROYAL MONACO  WEB MAGAZINE

  IL PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO. UNA CONTROTENDENZA CHE FA PROSELITI.    

 

PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES SUR "ROYAL MONACO JOURNAL" BIMENSUEL DE IL FOGLIO ITALIANO   
AVRIL BLOG 75 
Promozione della lingua e della cultura, la catastrofe annunciata
italia.jpg

Il disappunto per gli effetti devastanti dei tagli effettuati sui corsi di lingua e cultura italiana per i ragazzi italiani in età scolare residenti all'estero si sta diffondendo ovunque. Corsi che negli ultimi anni sono stati finanziati anche con il crescente  sostegno economico delle famiglie dei frequentanti. Soprattutto in Europa - in particolare in Germania, in Francia e in Svizzera - sta montando la protesta delle nostre comunità, deluse da questa ulteriore mancanza di attenzione da parte dello Stato. 
Il taglio dei finanziamenti ha colpito pesantemente gli Enti gestori che operano senza scopo di lucro e sono nati, in tale forma, nel 1993 per volontà dello Stato italiano che intese così dimezzare il contingente degli insegnati ministeriali inviati dall'Italia. 
Sarebbe una pura esercitazione accademica, in questa delicatissima fase di emergenza, mettersi ad analizzare le ragioni storiche, culturali e sociologiche che storicamente hanno impedito all'Italia di recitare un ruolo di potenza culturale commisurato al suo immenso patrimonio. Non si possono invece tralasciare le responsabilità politiche che hanno determinato tale situazione. Dopo la caduta del Governo Prodi le cose sono precipitate rapidamente. Il precedente Governo decise di mettere in liquidazione le politiche per gli italiani all'estero, un mandato fatto proprio dall'esecutore incaricato, il Ministero degli affari esteri. Si ricorderà, infatti, che i tagli del Ministro Tremonti al bilancio del MAE hanno avuto conseguente nefaste  soprattutto per i capitoli di spesa riguardanti gli italiani all'estero, ovvero per il bilancio di quella Direzione Generale (DGIEPM) che se ne occupa. 
Con un intervento in corso d'opera (2008) e quattro leggi finanziarie, i capitoli di spesa di tale direzione, relativamente agli italiani all'estero, hanno avuto una riduzione del 78 per cento e la promozione della lingua e cultura italiana è passata da 34 milioni iniziali del 2008 a poco più di 6 milioni del 2012, con un taglio di circa l'82 per cento, tra le proteste di parlamentari eletti all'estero e organismi di rappresentanza (CGIE e Comites).
La proposta culturale dell'italiano nel mondo viene promossa attraverso le scuole all'estero, i lettorati e i corsi di lingua e cultura italiana. Questi ultimi costituiscono il mezzo più diffuso per l'insegnamento dell'italiano e rappresentano lo strumento strategico principe di diffusione e promozione della lingua e della cultura italiana all'estero. Grazie ad essi, l'Italia ha tratto e trarrà benefici non solo d'immagine, ma anche in termini di ritorno economico, turistico e commerciale. Altri grandi Paesi europei cole l'Inghilterra, la Francia e la Germania – ma anche la Spagna – spendono di gran lunga più di noi  in questo settore, come è nitidamente emerso nell'audizione del British Council e dell'Istituto Francese, svoltasi nella Commissione affari esteri della Camera nell'ambito dell'indagine sulla promozione della nostra lingua e della nostra cultura.
Il numero dei frequentanti l'italiano a livello mondiale è attestato intorno alle 600.000 - unità nelle sole “classi dell'obbligo”. In Svizzera, a fronte di una comunità di circa 520.000 italiani, i corsisti sono 13.000. Questo “miracolo” è dovuto soprattutto all'impegno degli Enti gestori e dei loro docenti, attivi nel reclutamento degli alunni.
Nel mese di marzo gli Enti gestori hanno licenziato cautelativamente i docenti, poiché con le risorse che hanno possono giungere al massimo alla conclusione dell'anno scolastico, a fine giugno, mentre per la ripresa dell'anno scolastico in agosto (i bilanci sono per anno solare) - salvo interventi straordinari, chiuderanno i battenti.
Cosa si può fare ancora? Io credo che il Governo sia ancora in tempo per emanare un provvedimento tampone reperendo le risorse minime occorrenti per arrivare alla fine dell'anno ed evitare la messa in liquidazione di un patrimonio, gli Enti gestori, che oltretutto mettono in campo una buona dose di volontariato. Occorre soprattutto pensare alle migliaia di ragazzi che a fine luglio, nell'indifferenza generale delle rappresentanza dello Stato all'estero, non potranno più frequentare i corsi di lingua italiana, il che è tutto dire.

Partager cet article

Repost 0
Published by royalmonacoriviera - dans ARTE & CULTURA
commenter cet article

commentaires

Présentation

  • : ROYAL MONACO RIVIERA ISSN 2057-5076
  •  ROYAL MONACO RIVIERA      ISSN 2057-5076
  • : Royal Monaco Riviera web magazine fondé par Luigi MATTERA est le PREMIER site online de Monaco en presse écrite . Royal Monaco Riviera, il primo sito online del Principato divenuto cartaceo.ARTE, CULTURA, SOCIETA' della Riviera Ligure e Costa Azzurra!
  • Contact

Recherche