Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
19 mars 2012 1 19 /03 /mars /2012 11:12

 

RoyalMonaco_testata.jpg 

  ROYAL MONACO  WEB MAGAZINE

 

  

PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES SUR "ROYAL MONACO JOURNAL" BIMENSUEL DE IL FOGLIO ITALIANO
FEVRIER BLOG RANK  78

 

PRINTEMPS DES ARTS

 

Il primo weekend (16-18 marzo): il fine settimana inaugurale del festival è stato interamente consacrato all’accordéon, tra Francia, Irlanda, Italia e Paesi Baschi, nelle interpretazioni dei migliori specialisti, da Richard Galliano e Pascal Contet agli italiani Germano Scurti e Simone Bottasso.
Galliano-SEXTET-RG-SEUL-copie-1.jpg
Ci vorrebbero più di 80 giorni per fare il giro del mondo e scoprire dove oggi si suona la fisarmonica. Ma nella serata inaugurale è stato fatto già un bel viaggetto, dalla Bretagna all'Italia… La fisarmonica è ovunque, passeggiando tra musiche per intenditori e  popolari, con un'agilità sconcertante.

 Inventata nel 1829 da un armeno Vienna, la fisarmonica ha velocemente conquistato tutti i paesi d'Europa, forse del mondo (India, Sud America ...). perché è facile da imparare, viene trasportata ovunque e si adatta sia nel salone dei ricchi, come nelle sale da ballo popolari. Ancor più del violino, la fisarmonica divenne presto amica di tutti, ricchi e poveri, cantanti e ballerini ... fino a quando le "élites" lo rifiutano perché rappresentava, per l'appunto, anche la  cultura popolare, giudicata inferiore o villana. Oggi, queste liti sembrano lontane. La fisarmonica ha conservato la sua libertà e il suo posto centrale in molte culture, come testimoniano i mondi molto diversi riunitisi in esibizione al Printemps des Arts di Monte Carlo .

15juillet-0809.jpg

 Ad inaugurare l’edizione numero ventotto del 'Printemps des arts di Monte-Carlo', venerdì 16 marzo, presso la Salle Empire dell’Hôtel de Paris è stato un viaggio attraverso il repertorio per "accordéon", dalla musica cosiddetta colta a quella di tradizione popolare. A ospitare il "Printemps" sono, come di consueto, diverse località, da Monte-Carlo a Cap d’Ail, Beaulieu-sur-mer e La Turbie, come se si volessero così ripercorrere le tappe di un tratto immaginario tra le diverse declinazioni del fare musica sulla fisarmonica.
15juillet-0811.jpg
 Durante la prima serata-tributo , dopo l'introduzione del Direttore Artistico Marc Monet a questo strumento, gli spettatori hanno potuto confrontarsi con le performance radicali e poetiche del più grande interprete della fisarmonica contemporanea, il francese Pascal Contet, col virtuosismo danzante della nuova promessa bretonne Janick Martin e, dopo un "entracte cocktail", in seconda parte della serata col recital solistico di Richard Galliano, inventore della "new musette", genere che sulla tradizione francese del valzer innesta ritmi, melodie e armonie del tango, del jazz e della musica classica francese del primo Novecento.
La serata di sabato 17 a Cap d'Ail presso lo Chateau des Terrasses è stata dedicata all’esplorazione degli stili tra Italia e Paesi Baschi. Alle 20.30 si è esibito  il basco Philippe de Ezcurra cresciuto coi tango di Piazzolla ma eccellente anche nel repertorio contemporaneo, seguito dal ventunenne italiano di Cuneo, Simone Bottasso, che si è prodotto in duo col fratello violinista in un programma intitolato alla musica  tradizionale italiana.
Alle musiche attuali ed ancora agli stilemi popolari della Francia, Irlanda e Paesi Baschi, è stato intitolato il recital di domenica 18  nella chiesa anglicana di Beaulieu-sur-mer che ha ospitato l’abruzzese Germano Scurti, considerato uno dei migliori interpreti del repertorio moderno e contemporaneo consacrato al bayan (strumento dalle origini russe che si è imposto nel panorama classico contemporaneo come la versione più evoluta tra i diversi modelli di fisarmonica classica). In seguito è stata la volta dell’irlandese Charlie Harris, mentre, lo stesso giorno alle 18h nella Chiesa di Saint Michel a La Turbie si è esibito Philippe de Ezcurra, anche al bandoneon, per poi lasciare la scena al francese Max Bonnay in duo col sassofonista Claude Delangle.

 

Partager cet article

Repost 0
Published by royalmonacoriviera - dans MUSICA
commenter cet article

commentaires

Présentation

  • : ROYAL MONACO RIVIERA ISSN 2057-5076
  •  ROYAL MONACO RIVIERA      ISSN 2057-5076
  • : Royal Monaco Riviera web magazine fondé par Luigi MATTERA est le PREMIER site online de Monaco en presse écrite . Royal Monaco Riviera, il primo sito online del Principato divenuto cartaceo.ARTE, CULTURA, SOCIETA' della Riviera Ligure e Costa Azzurra!
  • Contact

Recherche