Overblog
Editer l'article Suivre ce blog Administration + Créer mon blog
1 juillet 2011 5 01 /07 /juillet /2011 08:29

 

Royal Monaco white

 

ROYAL MONACO RIVIERA WEB MAGAZINE

 

  Notte bianca, in fila per la cultura G

 

Mai più code al Consolato? Il libro verde della Commissione europea

di Andrea Biondi

 
Il dottor Andrea Biondi, è professore di diritto comunitario e co-direttore del Centro di diritto europeo al King's College di Londra, Cattedra di Diritto dell'Unione Europea, nonché visiting professor alla Georgetown University.  È anche membro del Comitato di Redazione della European Public Law e Law Journal. Autore di numerose pubblicazioni, è molto attivo nel campo della ricerca sul diritto dell'Unione europea, con particolare attenzione alla tutela giurisdizionale dei diritti dell'Unione europea e alla regolamentazione del commercio. 
In questo articolo, il Professor Biondi propone una riflessione sullle norme della Commissione Europea per la semplificazione burocratica.

 
Chi non si è mai scontrato con la burocrazia di un qualche Paese europeo per ottenere un qualsiasi certificato o documento pubblico? Tutti problemi destinati a scomparire secondo la Commissione Europea nel caso venissero adottate norme comuni in materia. Si è difatti da poco concluso (30 Aprile 2011) il processo di consultazione sul Libro verde per promuovere la libera circolazione dei documenti pubblici tra i Paesi Ue e assicurare il riconoscimento delle situazioni di stato civile, primo passo verso la formulazione di una proposta di direttiva (lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=COM:2010:0747:FIN:IT:PDF).
Secondo la Commissione le autorità nazionali richiedono documenti amministrativi che non esistono in altri Stati membri o, in molte occasioni, il pagamento di una tassa per far riconoscere l'autenticità di documenti emessi in un altro Paese membro. Tutti adempimenti che si traducono in veri e propri ostacoli alla libera circolazione dei cittadini europei.  Il documento della Commissione propone invece che i documenti pubblici, come diplomi, atti di proprietà e certificati di cittadinanza, circolino liberamente e che gli atti di stato civile che certificano gli eventi della vita (nascita, adozione, matrimonio o morte) siano reciprocamente riconosciuti dalle diverse autorità nazionali. In particolare la Commissione propone l'abolizione della legalizzazione e della postilla per tutti i documenti pubblici. In pratica il cittadino potrebbe presentare un documento originale rilasciato da un'autorità pubblica di uno Stato membro senza ulteriori adempimenti. Altre proposte riguardano la riduzione dei casi in cui è prevista l'obbligatorietà della traduzione e l'introduzione di un “certificato europeo di stato civile” valido in tutta Europa. La proposta ha già suscitato reazioni critiche e si è sostenuto che in realtà il fine ultimo sia quello di trasferire dagli Stati membri all'Unione Europea la competenza a legiferare sul diritto di famiglia. In realtà non si tratta di modificare le norme sostanziali nazionali, bensì di risolvere una serie di problemi pratici che quotidianamente tutti i cittadini europei si trovano ad affrontare. Va comunque ricordato che già la Corte Europea di Giustizia ha stabilito nella sentenza Dafeki che le autorità di uno Stato membro devono attenersi ai certificati e agli atti analoghi relativi allo stato civile che provengono dalle competenti autorità degli altri Stati membri, a meno che la loro esattezza non sia gravemente infirmata da indizi concreti in relazione al singolo caso considerato. Problemi “costituzionali” a parte, è tuttavia evidente l'importanza che un tale provvedimento potrebbe avere per il lavoro e le funzioni delle rappresentanze consolari ed in generale di tutti gli uffici pubblici.

Partager cet article

Repost0

commentaires

Présentation

  • : ROYAL MONACO RIVIERA ISSN 2057-5076
  •  ROYAL MONACO RIVIERA      ISSN 2057-5076
  • : Royal Monaco Riviera web magazine fondé par Luigi MATTERA est le PREMIER site online de Monaco en presse écrite . Royal Monaco Riviera, il primo sito online del Principato divenuto cartaceo.ARTE, CULTURA, SOCIETA' della Riviera Ligure e Costa Azzurra!
  • Contact

Recherche