Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
15 juillet 2011 5 15 /07 /juillet /2011 21:39

Royal Monaco white

ROYAL MONACO RIVIERA WEB MAGAZINE

______________________________
PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/ 

 

pensionati.jpg 


Aumento graduale dell’età
pensionabile delle donne,
mantenuto il diritto a 60 anni.

Inpgi: approvata la riforma
all’unanimità. Risultato:
assegni messi in sicurezza.

Forti sgravi previdenziali per
le nuove assunzioni, crescono
del 3 per cento le aliquote
a carico degli editori
(gettito di 42 mln a regime).

“La profonda ‘gobba’ previdenziale che era prevista tra il 2020 e il 2040 tende di fatto quasi a scomparire, il patrimonio dell’Istituto sarà sempre crescente e nei prossimi 50 anni non intaccheremo le riserve accantonate” annuncia soddisfatto Andrea Camporese, Presidente dell’Inpgi.

Roma, 15 luglio 2011.Il Consiglio d’amministrazione dell’Inpgi ha approvato oggi all’unanimità la riforma previdenziale che assicura solidità ai conti dell’Istituto anche nel lungo periodo. L’aumento contributivo a carico delle aziende sarà di tre punti percentuali nell’arco di cinque anni, tra il 2012 e il 2016. L’età pensionabile delle donne sarà aumentata progressivamente a 65 anni nell’arco di dieci anni, tra il 2012 e il 2021. Gli sgravi contributivi, solo per le nuove assunzioni a tempo indeterminato, saranno del 60% per tre anni, con una riduzione del 12% del costo del lavoro. Si tratta di una riforma che incide positivamente sul bilancio attuariale: “La profonda ‘gobba’ previdenziale che era prevista tra il 2020 e il 2040 tende di fatto quasi a scomparire, il patrimonio dell’Istituto sarà sempre crescente e nei prossimi 50 anni non intaccheremo le riserve accantonate” annuncia soddisfatto Andrea Camporese, Presidente dell’Inpgi.

 

Tutte le delibere saranno operative dopo l’approvazione dei ministeri vigilanti, che si prevede possa arrivare nel prossimo autunno. “Oggi è un giorno importante per l’Inpgi e per la categoria dei giornalisti” - dichiara Camporese. - “Sul piano politico-previdenziale, si tratta di una riforma inevitabile. Se avessimo scelto qualsiasi altro strumento gli iscritti all’Istituto sarebbero stati ben più penalizzati invece l’Inpgi riuscirà a mantenere prestazioni di gran lunga superiori all’Inps. A questo risultato si è arrivati dopo un lungo processo decisionale, coinvolgendo il  Consiglio d’amministrazione e le Parti sociali, di cui l’Inpgi è stato protagonista. E si tratta di un risultato straordinario che va oltre ogni più rosea aspettativa. Va ringraziata anche la Fieg, che ha fatto la sua parte con grande responsabilità, e la Fnsi, con cui abbiamo lavorato in modo proficuo e unitario”.

 

Nel dettaglio, l’aliquota contributiva IVS a carico delle aziende, attualmente pari al 20,28%, salirà di un punto dal 1/1/2012 arrivando al 21,28%. Un secondo punto percentuale di aumento decorrerà dal 1/1/2014 quando l’aliquota salirà al 22,28%. Il terzo punto, a partire dal 1/1/2016, porterà l’aliquota al 23,28%, mentre resterà inalterata l’aliquota a carico dei dipendenti, pari all’8,69%. A regime, comunque, le aliquote IVS saranno per l’Inpgi ancora inferiori di oltre l’1% a quelle previste per l’Inps (lo 0,53% in meno a carico delle aziende e lo 0,5% in meno a carico dei dipendenti). “Ogni punto di aumento vale oltre 14 milioni di euro di entrate nelle casse dell’Istituto”, fa notare Camporese, “e in particolare il primo punto d’aumento ci ristorerà dalle perdite subite a causa dei prepensionamenti”.

 

E sui pensionamenti, saranno le donne a registrare l’inevitabile “novità”. Per loro, infatti, l’aumento dell’età pensionabile sarà graduale: 61 anni dal 1/7/2012 e fino al 2014, 62 anni dal 1/1/2015, 63 anni dal 1/1/2017, 64 anni dal 1/1/2019 e 65 anni dal 1/1/2021, quando la riforma andrà a regime. Le giornaliste che vorranno andare in pensione comunque a 60 anni potranno farlo e, nel periodo transitorio fino al 2020, avranno penalizzazioni ridotte: per esempio, una penalizzazione del 2,3% nel caso in cui il pensionamento avvenga con un anno d’anticipo. “Siamo consapevoli – sottolinea Camporese – che le nostre iscritte dovranno percorrere un cammino diverso, tracciato da fattori estranei alla nostra volontà, così come lo faranno le altre donne lavoratrici, ma loro non saranno sole. Le norme che abbiamo approvato sono solo tese ad attenuare l’impatto con una congiuntura economica che chiede responsabilità e sacrifici a tutti. Speriamo così di renderli più accettabili”.

 

Gli sgravi contributivi del 60% per tre anni saranno a favore delle aziende, non in stato di crisi, per le assunzioni a tempo indeterminato, da praticante a caposervizio: l’aliquota IVS scenderà così da oltre il 20% a poco più dell’8%. “Significa una riduzione di 12 punti percentuali del costo del lavoro” - rileva il presidente Camporese che aggiunge: “Non è stato facile convincere gli editori a fare un ragionamento sui contratti a tempo indeterminato, nonostante alcuni tra i più grandi gruppi editoriali italiani siano pronti ad assumere. Spero che questa misura, fortemente condivisa con la Fnsi, dia la spinta giusta”. Dagli sgravi saranno comunque esclusi i pensionati e le aziende che hanno effettuato licenziamenti, mentre saranno inclusi tutti i contratti giornalistici, compresi quelli adottati dalla Fieg e dall’Aeranti Corallo.

 

Il Consiglio d’amministrazione dell’Inpgi ha approvato anche un ordine del giorno che “rileva la necessità di avviare un ampio confronto nella categoria, in primis con le donne, rispetto ai temi collegati in particolare al welfare femminile e di categoria e più in generale ai sistemi di ammortizzazione sociale del lavoro dipendente e autonomo”. L’ordine del giorno afferma quindi che “il Cda assume l’impegno ad analizzare nei prossimi mesi, in stretta collaborazione con la Fnsi per le competenze contrattuali e con la Casagit per quelle assistenziali, ogni opportuna iniziativa, nella compatibilità della tenuta del sistema”.

 

Partager cet article

Repost 0
Published by royalmonacoriviera
commenter cet article

commentaires

Présentation

  • : ROYAL MONACO RIVIERA ISSN 2057-5076
  •  ROYAL MONACO RIVIERA      ISSN 2057-5076
  • : Royal Monaco Riviera web magazine fondé par Luigi MATTERA est le PREMIER site online de Monaco en presse écrite . Royal Monaco Riviera, il primo sito online del Principato divenuto cartaceo.ARTE, CULTURA, SOCIETA' della Riviera Ligure e Costa Azzurra!
  • Contact

Recherche