Overblog
Editer l'article Suivre ce blog Administration + Créer mon blog
16 septembre 2012 7 16 /09 /septembre /2012 07:02

 

RoyalMonaco_testata_v013_DEF-copie-1.jpg

 

Art-Monaco_crownblog2.jpg

 

 

  IL PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO.

       

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

 

ECCO PUBBLICO, GIORNALE
LOW COST.
TELESE LANCIA LA SFIDA
DA MARTEDI', LIBERI
E NON GIUSTIZIALISTI

di Michele Cassano - Ansa

 

 

 

 

Roma,  14 settembre 2012.  Non servono tante parole. Basta varcare la soglia della luminosa sede in affitto sul Lungotevere per capire dove sei finito. Pubblico, il nuovo quotidiano diretto da Luca Telese, da martedi' 18 settembre in edicola dopo un tour di presentazione che ha toccato 56 citta', e' dichiaratamente di sinistra, ma sul grande poster all'ingresso non ci sono ne' Mao, ne' Che Guevara. Trovano spazio Steve Jobs, Alda Merini, Beppino Englaro, il robottino ambientalista della Disney Wall-e, Margherita Hack, i Beatles e Franco Giacomoni, il cuoco della festa democratica di Bagnacavallo. Il pubblico di riferimento e' piu' o meno lo stesso di Liberazione, Manifesto, Unita', ma il Pantheon ideale sembra un altro.  ''Siamo un quotidiano 2.0'', spiega con orgoglio il direttore. Struttura societaria e piano industriale si ispirano a quelli del Fatto Quotidiano, che Telese ha lasciato nel giugno scorso in rottura ''con la linea giustizialista'' di Marco Travaglio. ''Non abbiamo palazzinari alle nostre spalle, siamo pubblici in tutto tranne che per i finanziamenti'', aggiunge il direttore. Il capitale sociale della srl e' di 600 mila euro: il 51% detenuto dallo stesso Telese, dall'amministratore unico Tommaso Tessarolo e da Maurizio Feverato, il 5% da Minerva Pictures e il resto dai giornalisti. Sono trenta in redazione e rappresentano la quasi totalita' del costo del lavoro (i grafici sono due).  Il modello e' quello di Giorgio Poidomani, ex ad del quotidiano diretto da Antonio Padellaro. ''E' un modello che abbassa i costi - spiega Telese -. L'impresa sta in piedi se si raggiunge una determinata asticella''. La quota per coprire i costi e' fissata a 10 mila copie a 1,50 euro l'una, con una raccolta pubblicitaria, affidata alla Poster (anche questa ex del Fatto), intorno ai 700 mila euro l'anno. La diffusione media e' annunciata in 30 mila copie, con una tiratura per il lancio di 100 mila. ''Abbiamo calcolato che circa 40 mila lettori si sono allontanati dai quotidiani di sinistra - aggiunge Telese -, a noi basta avvicinare quelli, senza togliere lettori a nessuno''. Telese non lo dice, ma e' immaginabile che rubare un po' di pubblico al suo vecchio giornale non gli dispiacerebbe. ''Non ci occuperemo solo di politica, seguiremo anche la giudiziaria - assicura -, ma non siamo giustizialisti''.  Ventiquattro pagine a colori, in edicola sette giorni su sette, 4 inserti settimanali. Il tutto affidato a una redazione con un'eta' media di 35 anni. Nessun vicedirettore: caporedattore centrale e' Fabio Luppino, proveniente dall'Unita', a capo degli esteri c'e' Stella Prudente e dello sport Giancarlo Padovan. Tra le firme Ritanna Armeni, Ascanio Celestini, Darwin Pastorin e Corrado Formigli. Proprio dopo la partecipazione alla penultima puntata di Piazzapulita, con il fuori onda di Giovanni Favia, Telese (che domani torna su La7 per In Onda con Nicola Porro, ospite Susanna Camusso) si e' attirato le critiche sulla composizione societaria del giornale (per la presenza di Lorenzo Mieli, figlio di Paolo, e Marco Berlinguer, figlio di Enrico) da parte del blog di Beppe Grillo, che alludeva al sostegno dei poteri forti. ''Sono accuse assurde - spiega il direttore -, al pari di quelle di chi ha sostenuto che siamo il giornale di Sel o della Fiom. La verita' e' che siamo liberi. E lo dimostreremo parlando degli ultimi, come dei primi. Raccontando quello che non va nel governo Monti e quello che non va nella sinistra, piu' di quanto facciano oggi i giornali di sinistra''. (ANSA).

 

 


Editoria/ Arriva in
edicola 'Pubblico',
il quotidiano
di Luca Telese

 

 

 

Roma, 14 settembre 2012"Una sinistra 2.0 ,che non si fa assistere ma che scommette". E' una delle formule con cui Luca Telese, già notista politico del Giornale e del Fatto Quotidiano oltre che volto de La7, ha presentato oggi a Roma - dopo un tour di 56 date in tutta Italia - Pubblico, il nuovo quotidiano che andrà in edicola a partire da martedì prossimo 18 settembre. "Vogliamo raccontare l'Italia del coraggio, l'Italia degli ultimi e dei primi. Scriveremo degli operai a cui chiudono la fabbrica e che ne sanno più dei sottosegretari che la fanno chiudere, degli imprenditori costretti al suicidio perché non gli danno 10mila euro di mutuo ma saremo anche una specie di centro studi della modernità, un casting delle intelligenze". Un giornale generazionale, in cui la media dell'età in redazione è 35 anni. A partire da "un handicap che è anche una fortuna: da noi non c'è il conflitto di interessi che è la zona nera di qualunque giornale perché quello è il giornale di Berlusconi, quell'altro ha il tale magistrato di riferimento, quell'altro deve rendere conto alla segreteria di partito, quell'altro ancora è il giornale di un palazzinaro o della Fiat..." ha fatto notare Telese. Smentite quindi le voci per cui il quotidiano sarebbe un'operazione di qualche soggetto politico o partito in vista delle prossime elezioni. "Hanno detto che siamo il giornale della Fiom, di Sel e persino di Montezemolo.. Sembra strano, ma invece siamo un giornale indipendente".  (TMNews)

Partager cet article

Repost0

commentaires

Présentation

  • : ROYAL MONACO RIVIERA ISSN 2057-5076
  •  ROYAL MONACO RIVIERA      ISSN 2057-5076
  • : Royal Monaco Riviera web magazine fondé par Luigi MATTERA est le PREMIER site online de Monaco en presse écrite . Royal Monaco Riviera, il primo sito online del Principato divenuto cartaceo.ARTE, CULTURA, SOCIETA' della Riviera Ligure e Costa Azzurra!
  • Contact

Recherche