Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
1 février 2014 6 01 /02 /février /2014 08:12

Royal-Monaco--black.jpg

 

 RoyalMonaco_testata.jpg

 

PRIMO WEB MAGAZINE DI MONACO EDITO IN CARTACEO.      

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES WEB SUR "ROYAL MONACO JOURNAL

Il PRINTEMPS desARTS DE MONTE-CARLO compie 30 anni
14 MARZO _ 13 APRILE 2014, XXX edizione
sotto la presidenza di Sua Altezza Reale, Carolina di Hannover, Principessa di Hannover

 

 Accademie.jpg

(c) Alain Hanel


Il Festival Printemps des Arts festeggia il suo trentennale con un’edizione all’insegna della scoperta, dell’audacia e del gusto, che, dal 14 marzo al 13 aprile 2014, colorerà di note il Principato di Monte-Carlo e la Costa Azzurra. Appuntamenti con la musica, la danza, le arti plastiche e numerose prime esecuzioni assolute scandiranno i 5 weekend in cui è articolato il festival.

 “L’edizione 2014 offrirà al pubblico l’occasione per conoscere forme e stili che sposano musica, teatro, danza includendo le culture extraeuropee”, spiega il direttore artistico e compositore Marc Monnet, “nessun confine geografico, storico o stilistico ma piuttosto il desiderio di puntare sulla qualità e su forme artistiche inedite, evocative e accattivanti”.

E già dal weekend inaugurale del 14-16 marzo il Printemps des Arts, apprezzato da un pubblico sempre più internazionale, cattura l’attenzione con la musica visionaria di Skrjabin e la Nuit ungherese consacrata a Ligeti. Per la chiusura domenicale il pianista Philippe Bianconi sonda le affinità nascoste della produzione di Bartók e Debussy.

Il secondo weekend (20-22 marzo) apre giovedì con la straordinaria creatività di autori moderni e contemporanei: le composizioni Induction di Jodlowski con la coreografia di Gaetan Morlotti, Momente di Stockhausen e La Bocca, I Piedi, Il Suono per 104 sassofoni di Sciarrino sono affidate all’Ensemble Intercontemporain, una delle formazioni più accreditate nell’ambito della musica contemporanea, alla guida del grande direttore d’orchestra e compositore ungherese Peter Eötvös. Il giorno successivo si cambia registro per passare al classicismo di Haydn e in particolare all’atmosfera intensa e intima dei suoi quartetti, affidati al Quartetto Parker, giovane formazione americana connotata da equilibrio ed eleganza. Sabato la musica da camera di Haydn – a cui quest’anno il festival dedica un portrait - sarà accostata ad autori del barocco italiano e d’oltralpe, mentre domenica prosegue il Portrait Skrjabin con il raffinato pianista Geoffroy Couteau e l’imponente affresco sinfonico Prométhée ou le Poème du feu op. 60 interpretato dall’Orchestre Philharmonique de Monte-Carlo e dal pianista François-Frédéric Guy alla guida di Michail Jurowski.

Per il terzo weekend (27-30 marzo) la storica Compagnia Marionettistica Carlo Colla e Figli e l’Europa Galante, guidata da Fabio Biondi, propongono la deliziosa opera per marionette in miniatura Philemon und Baucis che Haydn scrisse per il pubblico raffinato della corte di Estherháza.

Seguono tre intense giornate con appuntamenti dalla mattina alla sera dedicati al Giappone nelle differenti declinazioni di danza butoh, musica contemporanea, con un omaggio all’antica tradizione della cerimonia del tè e alle opere di autori che, come Debussy e Ravel, dal Paese del Sol levante hanno tratto ispirazione.

Humor e levità caratterizzano il Printemps des Arts e fanno capolino, in particolare, nel quarto weekend (2-6 aprile) con Bibilolo di Marc Monnet, performance di clown e musica elettronica. Sempre nell’ambito di questo fine settimana a La Turbie, nei pressi di Monaco, è possibile apprezzare una serata dedicata alla musica profona medievale, ode mistica all’amore eterno con l’Ensemble Gilles Binchois. Sempre del misticismo, anche se di tutt’altra natura, troviamo nelle partiture russe Rêverie op. 24Concerto per pianoforte e orchestra in fa diesis minore op. 20 e Sinfonia n. 3 “Divin poème” in do minore op. 43 che scandiscono l’ultima parte del Portrait Skrjabin (venerdì 4 aprile), affidato all’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI e al pianista Alexei Volodin sotto la bacchetta di Alexander Vedernikov, direttore musicale del Teatro di Bolshoi dal 2001 al 2009. Sabato prosegue il Portrait  Haydn con le accattivanti sinfonie nn. 101 (L’Horloge) e 104 e il Concerto per clavicembalo e orchestra n.11 in re maggiore. Per festeggiare il trentesimo compleanno, il festival organizza il 6 aprile una serata di gala che riunisce compositori, musicisti, poeti, studenti che hanno scritto la storia del festival: una maratona di appuntamenti che spazia dal classicismo viennese alla musica contemporanea di Francesco Filidei, dalla musica tradizionale dei fratelli Bottasso alla divertente e originale formazione austriaca The Vegetable Orchestra per chiudere festosamente con le formidabili sonorità jazz di Marc Ducret e Louis Sclavis.

Protagonisti del quinto e ultimo weekend (10-13 aprile) la musica contemplativa e raffinata di Debussy (Estampes), Ravel (Gaspard de la nuit) e Messiaen (Extraits des Vingt regards sur l’Efant Jésus) nella lettura della prodigiosa pianista francese Marie Vermeulin; l’energia e il lirismo delle pagine russe di Skrjabin, Rubinstein e Rachmaninov affidate alla sensibilità del violoncellista Christian-Pierre La Marca accompagnato dal pianista Eric Le Sage; i quartetti di Haydn e la giornata marocchina che, rifuggendo cliché e folklore, raduna artisti esperti conoscitori della tradizione andalusa, berbera e africana.   

 

Il Printemps des Arts da sempre sostiene e promuove la musica contemporanea e quest’anno, in occasione del trentennale, ha commissionato 13 brevi opere – ognuna della durata di 3 minuti – che saranno eseguite in prima esecuzione assoluta come preludio ai concerti in programma.

 

Concerti e performance del Printemps des Arts 2014 si svolgono nei principali teatri e nelle più belle sale da concerto del Principato (l’Auditorium Rainier III, l’Opera, il Grimaldi Forum, il Théâtre des Variétés) ma anche in spazi non convenzionali che, per l’occasione, vengono ripensati e reinventati puntando sulla sorpresa come il Parking des Pêcheurs, il Museo Oceanografico, il Life Club, locale chic sul mare da poco inaugurato, le sale Empire, Beaumarchais e Debussy dell’Hôtel de Paris. Il festival si estende in Costa Azzurra sia coinvolgendo le scuole nella programmazione degli appuntamenti sia nella scelta di luoghi “fuori le mura monegasche” come l’Eglise Saint Michel a La Turbie, le Château des Terrasses a Cap d’Ail e Les Salons de la Rotonde Lenôtre a Beaulieu.

 

Un’importante novità editoriale, un libro sulla storia trentennale del Printemps des Arts, sarà pubblicato a gennaio 2014 edito da Actes Sud.

 

Parallelamente alla programmazione scorre l’azione educativa e formativa dedicata ai giovani, scandita da conferenze, masterclass, performance, mostre fotografiche e incontri con gli artisti del cartellone 2014. Tra le istituzioni coinvolte figurano le scuole di musica e i conservatori del Principato di Monaco e Monte-Carlo e della Costa Azzurra.

 

Prezzi dei biglietti variano da 23 a 30 euro con possibilità di abbonamenti a parte o a tutti i concerti; biglietti ridotti per giovani fino ai 25 anni. Entrata gratuita per i bambini fino ai 12 anni. 

 

Modalità di prenotazione e di acquisto dei biglietti:

Festival Printemps des Arts

12 avenue d’Ostende MC 98000 Monaco,  tel. +377 93255804 

info@printempsdesarts.com;www.printempsdesarts.com

  


Partager cet article

Repost 0
Published by ROYAL MONACO - dans ARTE & CULTURA
commenter cet article

commentaires

Présentation

  • : ROYAL MONACO RIVIERA ISSN 2057-5076
  •  ROYAL MONACO RIVIERA      ISSN 2057-5076
  • : Royal Monaco Riviera web magazine fondé par Luigi MATTERA est le PREMIER site online de Monaco en presse écrite . Royal Monaco Riviera, il primo sito online del Principato divenuto cartaceo.ARTE, CULTURA, SOCIETA' della Riviera Ligure e Costa Azzurra!
  • Contact

Recherche