Overblog
Editer l'article Suivre ce blog Administration + Créer mon blog
29 septembre 2012 6 29 /09 /septembre /2012 16:32

RoyalMonaco_testata_v013_DEF-copie-1.jpg

 

Art-Monaco_crownblog2.jpg

 

 

  IL PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO.

 

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

Gianrico Carofiglio a Monte Carlo in anteprima al mese della cultura italiana

 

OCTOBRE-0337.JPG

 

Luisella Berrino seleziona Gianrico Carofiglio per presentare l'autore ed il testo "Il silenzio dell' onda" alla vigilia del mese della Cultura Italiana nel Principato di Monaco.

 

OCTOBRE-0333a.jpg

 

Dal bell'aspetto di "poeta gentleman", Carofiglio (classe '61) difficilmente porta a credere, dal primo impatto, che possa essere anche un procuratore anti-mafia, magistrato, senatore (PD) , e che scriva romanzi  alla stregua  del legal-thriller. Ci siamo trovati, allora, dinanzi ad un uomo complesso e curioso il quale confessa, canditamente, che nei suoi romanzi egli non si sia mai ispirato ad episodi legati alla tipologia della sua carriera ma di averli interiorizzati nel proprio immaginario creando gli elementi della propria narrativa. E li ha elaborati in maniera talmente realistica che non è stato complicato attirare l'attenzione dei cineasti  per adattarli alla finzione cinematografica, coadiuvato dalla mamma, scrittrice, Enza Buono, e dal fratello regista ed illustratore grafico, Francesco.  Ed è proprio il fratello che illustra con i disegni, pubblicato da Rizzoli, Cacciatori nelle tenebre, una graphic novel con protagonista l'ispettore Carmelo Tancredi. Tale opera ha ricevuto, nel 2007 a Belpasso, il premio Martoglio. È stato il primo graphic novel entrato nelle classifiche dei libri più venduti nella categoria: "narrativa italiana".

Vincitore del Premio Bancarella del 2005 con il romanzo Il passato è una terra straniera (Rizzoli, 2004), nel settembre 2006 ha pubblicato un altro romanzo che vede il ritorno, quale protagonista, dell'avvocato Guerrieri, Ragionevoli dubbi (Sellerio): con quest'opera ha vinto il premio Fregene e il premio Viadana nel 2007 e la seconda edizione del Premio Tropea nel 2008.

Nel maggio 2010 pubblica la raccolta di racconti dal titolo Non esiste saggezza con la quale vince il premio letterario Piero Chiara.

Nell'ottobre 2011 esce il nuovo romanzo Il silenzio dell'onda, terzo posto al Premio Strega 2012 (seguito da una accesa contestazione in rete  <http://libertadespressione.wordpress.com//>) , e del quale ne tratteggia la tela con Luisella Berrino, con una "narrazione serrata e struggente sui padri e i figli, la mancanza e le assenze e la fragilità degli uomini, regalando ai lettori un nuovo indimenticabile personaggio": Roberto Marias.

Durante il dibattito è stato sollevato il caso Sallusti (di cui diamo sotto un richiamo tratto dai comunicati di Franco Abruzzo) riguardante la sua polemica con Vincenzo Ostuni, affermando il proprio punto di vista per il quale è stata creata una polemica propagandistica ad hoc confondendo l'insulto con la libertà di critica. Lo scrittore -magistrato afferma che si dovrebbero modificare le pene ai capi imputati con le leggi sul tipo di quelle elargite a Sallusti, modificandole con l'eliminazione della condanna al carcere ma incrementando quella pecuniaria e la minaccia di recidiva.

 

Luigi Mattera

 

OCTOBRE-0334.JPG

 

Il Caso Sallusti.

 

Sallusti. Corte Strasburgo:
punire con il carcere un reato
commesso a mezzo stampa
non è compatibile con la libertà
di espressione dei giornalisti
garantita dall'articolo 10 della
Convenzione. La prigione
ammessa solo in casi estremi
come l’incitamento all’odio.

di www.ansa.it

 

Strasburgo, 27 settembre 2012.  Punire con il carcere un reato commesso a mezzo stampa non è compatibile con la libertà di espressione dei giornalisti garantita dall'articolo 10 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo. Questo il principio basilare fissato dalla Corte europea per i diritti umani. La prigione, secondo i giudici di Strasburgo, può essere prevista solo in circostanze eccezionali legate a gravi violazioni dei diritti fondamentali, come ad esempio l'incitamento all'odio o alla violenza.

 

La Corte ha anche fissato dei criteri per stabilire se nei 47 Paesi aderenti all'organizzazione è stato raggiunto un buon equilibrio 'normativo' tra il diritto alle libertà di espressione e il rispetto della vita privata. Ciò dipende dal contributo dell'articolo di stampa a un dibattito di interesse generale, dalla notorietà della persona citata nell'articolo,

 

dal comportamento tenuto della persona, da come sono state ottenute le informazioni e dalla loro veridicità, dal contenuto, dalla forma e dalle ripercussioni dell'articolo e naturalmente dalla gravità delle sanzioni applicate.    La Corte, sebbene abbia 'quasi' riconosciuto al giornalista un diritto all'esagerazione e alla provocazione, ha poi sempre ribadito l'importanza dell'esattezza dell'informazione pubblicata e ha distinto tra un articolo che riporta fatti e uno che esprime opinioni.

 

Anche l'assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa chiede dal 2007 la depenalizzazione del reato di diffamazione a mezzo stampa esortando tutti i Paesi interessati (una pattuglia composta all'epoca, oltre che dall'Italia, da Germania, Grecia, Armenia, Azerbaijan, Croazia, Lettonia Islanda e San Marino) ad abolire le leggi che violano questo principio. (ANSA).

 

Franco Abruzzo sulla Corte di Strasburgo

 

In www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=9976

===========

Partager cet article

Repost0

commentaires

Présentation

  • : ROYAL MONACO RIVIERA ISSN 2057-5076
  •  ROYAL MONACO RIVIERA      ISSN 2057-5076
  • : Royal Monaco Riviera web magazine fondé par Luigi MATTERA est le PREMIER site online de Monaco en presse écrite . Royal Monaco Riviera, il primo sito online del Principato divenuto cartaceo.ARTE, CULTURA, SOCIETA' della Riviera Ligure e Costa Azzurra!
  • Contact

Recherche