Qualche settimana fa, nel pieno della crisi del coronavirus, quando l'Italia stava iniziando a deconcentrarsi, il principe Emmanuel-Philibert di Savoia ha lanciato il think tank Più Italia. Questo think tank avrebbe dovuto portare a pensare a progetti di ripresa per l'Italia. Poche settimane dopo, ha fatto il passo successivo trasformando il suo progetto in un movimento politico. D'ora in poi la sua festa porterà il nome di Realtà Italia.

Il principe Emmanuel-Philibert di Savoia ha trasformato il suo think tank Più Italia in un movimento politico Realtà Italia (Foto: Instagram capture / efsavoia)

Leggi anche: Emmanuel-Philibert de Savoie lancia Più Italia, un think tank per la rinascita dell'Italia

 

Il think tank del Principe di Venezia diventa un movimento politico

“Servono progetti concreti per l'Italia che, in questo modo (attuale), non può partire. E cosa facevano i politici, quando tutti in Europa proponevano soluzioni reali? » , Spiega sul Corriere il figlio del capo della Real Casa Savoia Circondato da esperti e personalità eminenti in molti campi durante i webinar organizzati dal suo think tank, il principe Emmanuel-Philibert di Savoia ha spinto ancora più in là lanciando il suo movimento politico. Ennesimo cap da assumere per l'erede di una delle case reali più prestigiose d'Europa, che è anche imprenditore nella ristorazione negli Stati Uniti.

Realtà Italia si interessa alla gioventù italiana

Questo movimento politico, il cui nome significa "realtà" ma richiama anche la parola "regalità", punta a concentrarsi sui giovani e sulle promesse di futuro per loro. “Dico quello che penso: non è l'Italia che sognavo in esilio. Giovani senza futuro?  Non ho bisogno della politica per vivere. E non dico che ho la soluzione ma i contatti giusti per portare attorno a un tavolo persone che saprebbero cosa fare: sono solo un aggregatore, un incubatore o un canale di idee ”.

Quando il giornalista del Corriere gli chiede se questo movimento è legato agli ordini dinastici di Casa Savoia e se è coinvolto suo padre, capofamiglia, risponde: "Il progetto è solo mio, condiviso con Antonio Bettanini e Filippo Bruno di Tornaforte, Luca Morvilli amministratore delegato di Qubit, Garosci e Noci ”.

L'annuncio della partenza di Juan Carlos ha commosso alcuni reali e amici intimi dell'ex re di Spagna. Diversi membri di famiglie reali straniere hanno usato i loro social network per esprimere la loro tristezza nel vedere il padre di Felipe andarsene. Il principe Emanuele Filiberto di Savoia , intanto, ha rilasciato un comunicato utilizzando la carta intestata del suo nuovo movimento Realtà Italia, per intervenire ufficialmente sull'argomento della partenza in esilio di Juan Carlos di Spagna: Emanuel Filiberto ha, quindi pubblicato un comunicato ufficiale di "Realtà Italia": " La partenza di Juan Carlos I dalla Spagna provoca un momento di profonda tristezza.Oggi, questo sovrano è ritratto come una persona corrotta con un'immagine fortemente negativa, ovviamente di natura pokitica" -deplora.

Fonti: Corriere e Realtà Italia