Overblog
Editer l'article Suivre ce blog Administration + Créer mon blog
22 octobre 2015 4 22 /10 /octobre /2015 16:27

S u l f r o n t e s v i z z e r o

  1. Chi non lo avesse ancora fatto, dichiarare al più presto (prima di venire magari scoperti) il possesso del bene immobile in Italia all’Ufficio Imposte del proprio comune di residenza anche senza attendere la prossima dichiarazione dei redditi;

  2. Per farlo si deve presentare l’Estratto del Foglio Catastale italiano nel quale risulti l’immobile di cui si è proprietari;

  3. Coloro che hanno dichiarato al fisco elvetico la loro proprietà in Italia possono poi portare a detrazione il costo della IUC (IMU e TASI) e quelle di eventuali spese sostenute per la manutenzione/ristrutturazionedell’immobile;

  4. Se l’immobile, in tutto o in parte, è fonte di reddito essendo dato in affitto, si deve produrre il relativo contratto e dichiarare al fisco svizzero anche tale reddito.

Si ricorda che dal 2010 è stata introdotta nella Confederazione una mini amnistia fiscale, per cui a coloro che denunciano proprietà, redditi e e/o conti bancari/postali, tenuti nascosti, non si applicheranno sanzioni né saranno oggetto di denuncia penale. Si dovrà versare solo l’imposta evasa con relativi interessi andando a ritroso nel tempo sino ad un periodo massimo di dieci anni. Da tenere in considerazione che ci si può avvalere della mini amnistia una sola ed unica volta.

S u l f r o n t e i t a l i a n o

  1. Nel corrente anno (2015) - per gli immobili registrati nel catasto come categoria A/2, A/3, A/4, A/5, A/6, A/7 - la normativa in vigore esenta dal pagamento dell’IMU i pensionati iscritti all’AIRE, titolari di una pensione locale del Paese di residenza. Gli stessi soggetti devono pagare solo un terzo (1/3) del dovuto sia per la TASI che per la TARI (Attenzione: nei comuni delle Province autonome di Bolzano e di Trento si applicano invece le norme locali);

  2. I benefici, indicati al punto a), si possono far valere su una ed una sola unità immobiliare tenuta a propria disposizione (quindi non affittata) indipendentemente che si trovi nel comune di iscrizione AIRE o in un altro comune italiano, ovviamente escluso quelli delle province di Bolzano e Trento;

  3. Per avvalersi dei benefici per IMU-TASI-TARI gli interessati debbono presentare formale richiesta all’Ufficio Tributi del comune in cui è ubicato l’immobile producendo la documentazione attestante i requisiti previsti dalla normativa in questione (documento di identità, numero codice fiscale, attestato pensionistico dell’ente previdenziale locale ed eventuale Estratto Catastale);

  4. Il proprietario di un bene immobile, se esentato dal pagamento dell’IMU, deve allora presentare la dichiarazione dei redditi all’Agenzia delle Entrate, anche se privo di altri cespiti in Italia, indicando il valore catastale dell’immobile. Naturalmente se l’immobile è dato in affitto, il proprietario iscritto all’AIRE - anche se pensionato - dovrà pagare IMU e TASI (seconda casa) e presentare la dichiarazione dei redditi all’Agenzia delle Entrate indicando l’importo percepito come affitto;

  5. Qualora un avente diritto a questi benefici fiscali sulla casa – all’oscuro della normativa - avesse già versato per l’anno in corso per IMU-TASI-TARI un importo superiore al dovuto potrà sempre presentare la domanda di usufruirne e richiedere all’Ufficio Tributi la restituzione dell’eventuale importoeccedente il dovuto o, comunque, un conguaglio con i futuri tributi.

Post Scriptum:

  1. La Legge di Stabilità (ex Legge Finanziaria) 2016, appena approvata dal governo italiano, ha tolto la IUC (IMU e TASI) dal 2016 su tutte le prime case per cui, adesso, si dovrà vigilare (e la UIM lo farà!) affinché anche l’abitazione in Italia degli iscritti all’AIRE, pensionati e no, venga ritenuta “prima casa”.
  2. Gli obblighi fiscali, sul fronte italiano, riguardano tutti gli italiani all’estero e non solo quelli residenti in Svizzera.

La UIM è a disposizione di quanti necessitassero ulteriori informazioni in merito alla fiscalità sulla casa (tel. 043 3222022; e-mail: uimeuropa@bluewin.ch).

Dino Nardi, Coordinatore UIM Europa

Zurigo, ottobre 2015

Partager cet article

Repost0

commentaires

Présentation

  • : ROYAL MONACO RIVIERA ISSN 2057-5076
  •  ROYAL MONACO RIVIERA      ISSN 2057-5076
  • : Royal Monaco Riviera web magazine fondé par Luigi MATTERA est le PREMIER site online de Monaco en presse écrite . Royal Monaco Riviera, il primo sito online del Principato divenuto cartaceo.ARTE, CULTURA, SOCIETA' della Riviera Ligure e Costa Azzurra!
  • Contact

Recherche